Categoria: Opinioni

Silvia Accorsi su Sport Comuni – Il microcosmo industriale di Flavio Biagi

Recensione di Silvia Accorsi, comparsa sul numero di Febbraio 2017 del mensile dedicato allo Sport e all’Attualità Sport Comuni.

Samuele Govoni su La Nuova Ferrara

“Flavio Biagi tra industrie e quadri – Il pittore narra la sua esperienza” di Samuele Govoni su La Nuova Ferrara – Dicembre 2014.   L’intero articolo è disponibile al seguente link: LA NUOVA FERRARA   Se a osservare le opere

Margherita Garzya – Bologna Cult

Fabbriche e pianura. Fabbriche e cielo. Fabbriche ed umidità. Fabbriche e nebbia. Fabbriche e fumo, tanto fumo. Fabbriche.

Michele Govoni su Rivista20 – Mensile di informazione culturale

L’inquietudine degli scorci industriali di Flavio Biagi Osservare il reale sembra essere un’operazione più che normale, in arte. Tanto più se ci si esprime con un linguaggio ed una tecnica classicamente figurativi.

Loris Gualdi

L’artista, capace di rappresentare un ferroso scorcio industriale, freddo, futurista ed inquieto, raccoglie in punta di china ed acquarello deliziose prospettive dinamiche.

Leonardo Raito – La Gazzetta di Rovigo

Biagi è uno sperimentatore capace di indagare le strutture in tubi, ferro e cemento dei grandi impianti industriali.

Eva Beccati

Tra iperrealismo e postmodernità le tele di Biagi raccontano scenari insieme futuribili e ormai arcaici, sospesi a metà strada tra il silenzio postatomico e una civiltà industriale già divenuta archeologia.

Maria Silvia Scagliotti Turri

Interessante l’aggancio culturale all’archeologia industriale, come il desiderio di progettazione futuribile e la volontà  inespressa ma latente di geometrismo ed astrazione. Debole il colore che richiederebbe lo stesso impegno impiegato nel segno grafico.

Dario Ballantini

Mi piacciono le chine di  Flavio Biagi soprattutto quelle che raffigurano evanescenti scenari post industriali.

Michele Govoni

Nel mondo spesso superficiale e frettoloso dell’arte contemporanea, l’arte di Flavio Biagi tende a rallentare il ritmo dell’esistenza, ruotando all’indietro la manopola “Jog&Shuttle” del video dell’esistenza e ponendosi ad osservare e raccontare il passato industriale.

Enrico Menegatti

L’arte di Flavio Biagi. La prima sensazione nello scrutare l’opera Biagi è di freddo. Freddo intenso e gelido.

Cecilia Ci

È un’opera singolare quella di Flavio Biagi, inconsueta quanto significativa.

Fabio D’Achille

Incontro sul web il lavoro di Flavio, avrà qualche anno in meno di me … un coetaneo, un artista già grafico e designer, già espressionista contemporaneo.

Massimiliano Badiali

La Macchina rappresentata, nell’opera di Biagi, l’oggetto simbolico della cifra della modernità.

Claudio Alessandri

La fantasia come rinascita Nell’osservare le realizzazioni pittoriche di Flavio Biagi si nota subitamente una grande padronanza della tecnica pittorica

Guido Cagnoni – www.occhiaperti.net

Chi dovesse passare per Modena nei prossimi giorni potrebbe sfruttare l’occasione per allungare l’itinerario fino a un luogo un po’ inusuale nonché fuori città, una filiale bancaria.

Top